La rivoluzione Green del Lussemburgo

Il Lussemburgo è il primo paese al mondo ad offrire mezzi pubblici gratis per tutti i cittadini in un paese con moltissimi problemi di viabilità, dove gli spostamenti in auto vanno per la maggiore, soprattutto per il grande numero di movimenti giornalieri dei pendolari che abitano/lavorano negli stati limitrofi, come Francia, Germani e Belgio, che, come molti altri stati e zone nel mondo, si trova paralizzato da ingorghi, traffico ed inquinamento.

Il governo all’interno del piano sulla mobilità in un Paese ha deciso di adottare una soluzione drastica e allo stesso tempo estremamente favorevole ai cittadini per ridurre l’inquinamento.
Da pochi giorni, ovvero dal primo Marzo, nel granducato,
tutti i mezzi di trasporto pubblici sono gratuiti per tutte le persone che si trovano nel territorio, una misura enorme e mai tentata prima da nessun altro stato al mondo,
volta a ridurre drasticamente l’inquinamento dovuto alla circolazione di veicoli privati, che si inserisce nelle misure per combattere il cambiamento climatico e per la salvaguardia del pianeta il mantenimento del costo della rete pubblica, che è di 500 milioni di euro l’anno, dall’avere un ampio contributo da parte dei cittadini, attraverso abbonamenti e biglietti, è passata ad essere totalmente a carico dello stato, l’unica eccezione saranno i biglietti di prima classe che resteranno a pagamento e i biglietti ferroviari per spostamenti internazionali, fuori dallo stato, pian piano anche i distributori automatici di biglietti verranno gradualmente ritirati e nelle stazioni rimarranno solo i punti vendita per i biglietti sopracitati.

E’ stato calcolato che circa il 40% delle famiglie che risiedono in Lussemburgo utilizza mezzi pubblici e che ognuna di esse avrà un risparmio di circa 100 euro l’anno questa non si tratta di una misura isolata, ma rientra in una serie strategica di investimenti del governo per migliorare i trasporti pubblici dello stato.

Verranno anche investiti 3,2 miliardi di euro entro il 2027 per migliorare la rete ferroviaria e il sistema delle infrastrutture, è inoltre previsto di raddoppiare il numero di posti nei parcheggi a relè, di raddoppiare il numero di punti di ricarica per i veicoli elettrici, migliorare le piste ciclabili, di migliorare le linee di autobus e tram, fornire informazioni in tempo reale ai viaggiatori

L’ecologista Francois Bausch il ministero della mobilità urbana del Lussemburgo ha commentato positivamente la scelta governativa:

“è un’importante misura sociale, saremo un laboratorio per la mobilità del 21esimo secolo”.

una scelta drastica e fondamentale per diminuire l’inquinamento che posiziona il Lussemburgo tra le prime nazioni al mondo per i provvedimenti presi per la salvaguardia dell’ambiente e la lotta al surriscaldamento globale, e fa del granducato un ottimo esempio da seguire!

 

Articolo originale: mobilitegratuite.lu/en

Fonte: positizie.it

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti ora alla newsletter per ricevere gli articoli via e-mail!

Ultimi tweet di Papa Francesco

Immagini che fanno bene

This error message is only visible to WordPress admins

Error: admin-ajax.php test was not successful. Some features may not be available.

Please visit this page to troubleshoot.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA