Gesù è puro rock & roll

Intervista a Valeria Altobelli

«Vengo da una famiglia praticante, ho iniziato a cantare e a recitare in chiesa», ricorda la showgirl. «Ma la fede non è solo una questione d’imprinting, ognuno sceglie se farla propria»
Da bambina, quando ascoltò per la prima volta la parabola dei talenti, Valeria Altobelli rimase interdetta: non capiva.
Non capiva cosa avesse mai fatto di male, quel pover’uomo, a sotterrare l’unico talento a lui donato: ne aveva ricevuto solo uno, era normale che non volesse perderlo.
«Capirai, Valeria, capirai», si limitò a risponderle il parroco don Pasqualino Porretta, sorridendo con affetto. E, come succede spesso per le domande aperte che custodiamo nel cuore, quell’interrogativo finì per accompagnare tutta la sua adolescenza, trovando le risposte nelle pieghe dell’esistenza.
Valeria Altobelli è infatti un crogiolo di talenti: ha iniziato a suonare musica a sei anni, a cantare a 11 per poi cimentarsi con il teatro a 12 anni. All’attivo ha, oltre alla partecipazione a Miss Mondo e una carriera da modella e showgirl, due lauree in giurisprudenza, un master notarile, la conoscenza di sei lingue e la familiarità con ben quattro strumenti musicali. Inoltre, ironia della sorte, è attualmente in TV con un programma che celebra proprio i talenti: Tale e Quale show, ogni venerdì in prima serata su Rai Uno, condotto da Carlo Conti.
Dunque, questa parabola sui talenti: alla fine l’ha compresa?
«Non solo l’ho capita, ma sento che è particolarmente rappresentativa per la mia vita: se il Signore ti mette nel cuore anche solo un talento, è perché te lo affida.
Te lo dona perché tu possa coltivarlo, ed è giusto così. Per questo ho cercato di dare il meglio in tutte le mie passioni.
Tra l’altro ho appreso i miei più bei talenti in chiesa: ho iniziato a suonare e a cantare in parrocchia, a sette anni, così come a recitare. Da quando avevo 13 anni, fino a 20, in occasione della Quaresima facevamo la Passione vivente. Tranne due volte, in cui ho interpretato Salomè e Maria di Magdala, ho sempre avuto il ruolo di Satana».
Non è una parte troppo impegnativa per un’adolescente?
«Era voluto. Quando mi affidò la parte di Satana, don Pasqualino mi disse: “Adesso ti do una lezione di catechismo pesante: proprio perché sei sempre buona, ti devi sperimentare in questa veste”.
Da quell’esperienza ho capito che il diavolo ci inganna tramite quelle cose che, sulla Terra, ci sembrano più belle. Crescendo ho avuto la grazia di non perdermi mai in vizi come il fumo, l’alcol o la sessualità vissuta in modo non consapevole. Anche su questo mia madre è stata non dico rigida, ma sicuramente previdente perché conosceva il mio carattere sensibile: se mi fossi donata a una persona con facilità, avrei sofferto per una vita intera».
Concorderà però che, talenti a parte, non è da tutti imparare quattro strumenti musicali e sei lingue straniere.
«La differenza la fa l’ascolto: è la predisposizione verso l’altro che ti insegna a parlare i codici. Se ci pensiamo bene, è un’esperienza comune: quando sei davvero aperto al prossimo, quando frequenti qualcuno assiduamente, finisci per acquisirne il modo di fare, la sensibilità, il linguaggio. Solo chi è chiuso al mondo fatica a imparare».
Quanto è stato determinante, per il suo cammino, ricevere un’educazione religiosa?
«Vengo da una famiglia cattolica praticante, ho ricevuto i sacramenti e ho frequentato assiduamente la parrocchia: ho fatto tutto, dall’oratorio ai campi estivi. Però la fede non è solo una questione di imprinting, che si riceve da bambini. È una cosa che, a un certo punto, scegli e fai tua, tant’è vero che, dai 12 anni in poi, ero io a trascinare i miei genitori in chiesa, e non viceversa! Devo molto a don Pasqualino, che è tuttora il mio padre spirituale: mi ha letteralmente cullato nel grembo della fede, nei 20 anni in cui è stato parroco a Sora. Certo, poi, ci sono stati dei momenti in cui mi sono interrogata, come è accaduto quando è venuto a mancare mio nonno. È stato molto doloroso e mia madre era caduta in depressione.
Tuttavia, pur interrogandomi, non ho mai messo in dubbio la presenza di Dio perché tra noi c’è sempre stata, alla base, una grande confidenza. Per me la religione vuol dire proprio questo: 
re–ligare, instaurare un rapporto a due. È un dialogo, e io non ho mai smesso di parlare con il Padre eterno».
Che cosa l’affascina della figura di Gesù?
«Tutto. La sua è una fede rock and roll: viva, di impatto, in trincea, mai subita o assuefatta, mai spenta. Cristo era un rivoluzionario, che diceva la verità anche quando era scomoda, che era sempre vicino ai deboli, che andava in mezzo ai lebbrosi, che parlava con Zaccheo, che salvava la Maddalena».
Sbaglio o, lungo il suo cammino, ha spaziato tra varie realtà, dai neocatecumenali a Nuovi Orizzonti?
«Sono strade che non si escludono tra loro e che mi hanno aiutato, e mi aiutano, a continuare il cammino di preghiera che ho incominciato a 7 anni. In Nuovi Orizzonti ci sono molte persone che fanno il mio stesso lavoro, come Nek, Lorella Cuccarini e Raf, e che desiderano che il nostro mestiere sia uno strumento per trasmettere gioia, fede, speranza, anziché vizi negativi».
Una sfida impegnativa soprattutto oggi che, dopo il caso Weinstein, sembra che chiunque lavori nel mondo dello spettacolo sia sceso a compromessi…
«Esatto. Bisogna fare capire che non è così. Per esempio, io non ho mai subito violenze e anche quando ho ricevuto degli apprezzamenti verbali, come può succedere a qualunque donna camminando per strada, ho sempre risposto con un sorriso che non lasciava intendere null’altro.
Nessuno quindi ci ha mai provato, perché sapevano benissimo come avrei reagito».
Ex concorrente di Miss Mondo, bella, giovane e in carriera. Eppure decide di sposarsi e avere un figlio: sembrerebbe un paradosso. Perché non lo è?
«Perché è quello che ha sempre voluto il mio cuore. La vita mi ha dato tanto ma io, fin da piccola, sapevo quello che volevo: la semplicità, i pranzi alla domenica in famiglia, le passeggiate al parco con mio marito, mio figlio e i due cani. A vent’anni, quando iniziai a lavorare come modella, mia madre mi disse: “Ricordati sempre le cose che ti rendono felice”. E così ho fatto».
LA BIOGRAFIA. IN QUESTI GIORNI È IN TV A TALE E QUALE SHOW

Valeria Altobelli attualmente vive a Roma insieme al marito Simone Venier, canottiere olimpico, e il figlio Gioele, nato a marzo 2012. Cantante, modella e showgirl,ha partecipato come concorrente a Miss Mondo. Volto del programma Top di Rai Uno, in passato è stata inviata per il programma Forum di Rete4 e Canale 5. Ha condotto il Family Day nel 2010. Attualmente è in onda su Rai Uno come concorrente di Tale e Quale show, programma in onda il venerdì alle ore 21.15 su Rai Uno e condotto da Carlo Conti.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti ora alla newsletter per ricevere gli articoli via e-mail!

Ultimi tweet di Papa Francesco

Immagini che fanno bene

This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.

Click here to troubleshoot

Error: admin-ajax.php test was not successful. Some features may not be available.

Please visit this page to troubleshoot.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA